Carosello e Barattiere

Il carosello e il barattiere appartengono alla specie Cucumis melo L. Si tratta di frutti che si consumano immaturi in alternativa al cetriolo rispetto al quale risultano più digeribili.
Si mangiano crudi, senza condimento o cosparsi di sale, ad insalata, particolarmente con pomodoro e origano o con cipolla fresca, oppure accompagnano la purea di fave e la pasta con sugo di pomodoro fresco e cacioricotta.
La facilità di incrocio delle varie popolazioni di melone esistenti in Puglia, aiutata dall’impollinazione entomofila, l’attenta e paziente selezione operata da tanti agricoltori pugliesi, ha fatto sì che nel tempo sono stati ottenuti frutti di forma, dimensione, tomentosità e colore diversissimi.

Da secoli in Puglia si consumano i frutti di popolazioni locali di melone immaturo in alternativa al cetriolo. Si mangiano crudi, senza condimento o cosparsi di sale, come insalata.
I tipi principali sono il carosello e il barattiere, entrambi appartenenti alla specie Cucumis melo. Molto spesso le popolazioni vengono indicate con il colore dell’epicarpo, la forma del frutto o con il nome della località in cui sono state selezionate e mantenute in vita con la coltivazione.
Le aree pugliesi più importanti sono in provincia di Lecce, dove vengono coltivate anche in serra, Brindisi, Taranto e Bari.